Indipendent.ie: U2 in crisi?

Andare in basso

Indipendent.ie: U2 in crisi?

Messaggio  santips il Mar Lug 05, 2011 10:06 pm

Indipendent.ie: ricostruire il rapporto Irlanda-U2 e tornare alle origini salverà gli U2 dalla crisi?

Può sembrare strano parlare degli U2 come una band in crisi. Si sono esibiti con successo al Glastonbury Festival lo scorso fine settimana e, dopo una gestazione difficile, Spider-Man di Bono e The Edge ha avuto la sua prima ottenendo $1.7m (e 1.2m) nella sua prima settimana, diventando così il terzo piu' grande musical di Broadway.
Questo mese la band concluderà il 360° Tour che ha incassato $700m (e480m), il tour di maggior successo nella storia del rock'n'roll.

Quindi, uno si potrebbe chiedere, crisi, che crisi?

Ma è importante ricordare che dietro a tutti i tour e il successo e i soldi, gli U2 sono fondamentalmente, ancora, una ricerca artistica, e anche un gioco di popolarità, e su questi due fronti ci sono state preoccupanti negli scorsi due anni.
Gli U2 hanno iniziato il loro set di Glasto con 5 canzoni di Achtung Baby, canzoni che compiono 20 anni quest'anno. Tra le altre cose c'erano anche canzoni da The Joshua Tree, un album che compierà 25 anni l'anno prossimo. Il materiale ha piu' di 20 anni, come 'One' e 'Where the streets have no name' che hanno dato alla band il massimo momento durante la loro data a Glasto.
Infatti, i tre quarti delle canzoni che la band ha suonato a Glasto sono di due o piu' decenni, sono cinque canzoni sono degli ultimi 20 anni e solo due sono del loro ultimo album. Uno potrebbe pensare che abbiano preferito una serie di successi per l'occasione dato che non era il loro pubblico e non era il loro palco. Larry ha detto ad una radio inglese un paio di giorni prima di Glasto che la band aveva molto da dimostrare perchè la band voleva essere 'fuori dal suo territorio'. Infatti, Mullen è descritto spesso da Bono come colui che ama dire 'no' e che continuava a chiedersi perchè la band, per meno soldi di quelli che ricavano dai soliti concerti, debba esibirsi davanti ad un pubblico non suo, con una crew e una produzione che non è del proprio set-up.

Bono ha ammesso dopo lo show che era nervoso, e in effetti l'ha mostrato un po' quella sera. Infatti, ripiegare su un set di greatest hits non è stato un contentino per Glasto, dove tutti preferiscono un sing-along. Gli U2 hanno ripreso il loro tour americano un paio di notti dopo Glasto, offrendo la stessa scaletta di Detroit.

Niente di tutto questo può essere una conseguenza se non il fatto che gli U2 non hanno proposto una setlist di greatest hits nelle prime fasi del 360 tour. Avevano un album da vendere, un album nuovo, e volevano suonarlo per la gente. E si è sempre pensato che negli ultimi anni è stato importante per gli U2 suonare musica nuova durante il tour.

Questo è quello che li ha resi diversi dai dinosauri come Rolling Stones, che sono diventanti essenzialmente artisti da cabaret nella seconda parte della loro carriera.

Ma è importante per gli U2, per il loro ego se non altro, essere attuali. Così, nonostante una reazione piuttosto tiepida dei fans rispetto all'ultimo album No line on the horizon, gli U2 hanno iniziato ogni show del tour con 3 canzoni nuove dal nuovo album back to back, suonando in totale 7 canzoni dall'album nuovo. Ora, quasi alla fine del tour, stanno suonando solo tre brani dell'album 'nuovo' quasi tutte le notte, e l'apertura di tutte le sere avviene con quattro canzoni bidecennali da Achtung Baby, non da No line on the horizon.

Infatti, recentemente The Edge ha rievocato gli anni di Achtung baby, parlando di quanto quel periodo sia stato produttivo e creativo. E lo è stato. Tra il 1987 e il 1993 gli U2 hanno vissuto l'incredibile successo di The joshua tree, seguito dal viaggio sottovalutato Rattle and hum in America, poi la sorprendete reinvenzione e il tornare ai valori europei come Achtung Baby, seguito dal sottovalutato fratellino Zooropa.

Bono e Co sono rimasti toccati circa l'accoglienza riservata a No line. Mntre si afferma che l'album abbia venduto 5 milioni di copie, non è però un colosso per gli standard della band. Gli U2 hanno puntato verso la natura sperimentale della musica, il fatto che Get on your boots non sia riuscito a infuocare il mondo e la natura mutevole della musica quando viene acquistata e consumata.

Qualunque sia la ragione del fallimento di No line, il prossimo album è uno dei piu' critici della storia della band. Il prossimo album deciderà se gli U2 sono ancora validi, in continua evoluzione, o se sono destinati a seguire l'itinerario Rolling Stones e di diventare una band da tour cabaret, negoziando su vecchie glorie.

L'importanza del prossimo anno può spiegare la ragione per cui sia stato posticipato fino alla seconda metà dell'anno prossimo e perchè tanto lavoro e tanti pensieri vadano sempre bene. Da No line ci sono 4 album degli U2 in parte registrati. Songs of ascent, che avrebbe dvuto essere piu' un laid-back di no line, sarebbe dovuto uscire entro la fine del 2009. Forse l'idea era di farlo essere per No line come Zooropa è per Achtung Baby. Nonostante ci sia un singolo di apertura scelto e annunciato, l'album non è mai uscito.
Ci sono altri due progetti incompiuti: un album da discoteca realizzato con LadyGaga e RedOne e uno piu' tradizionale realizzato con uno dei migliori produttori Dangermouse. Adam Clayton sembra escludere qualsiasi rilascio per il materiale da discoteca, dicendo che gli U2 dovevano concentrarsi su ciò che sanno fare meglio e che l'album con Dangermouse si avvicinava di piu' a questa idea.

Ma non è solo indecisione creativa e perfezionismo quello che ha portato ad un ritardo del nuovo album. Bono ha avuto problemi con la schiena e The Edge ha speso un sacco di tempo e di energia per salvare il tanto diffamato Spider-Man.

Con Spider-Man avviato il tour si concluderà questo mese, Bono dice di essere entusiasta di tornare a lavorare su nuove canzoni. I recenti commenti di Adam hanno spiegato perchè non è accaduto prima :"Dovevamo avere una riunione e guardare il programma per vedere di raccogliere eventuali punti morti in cui lavorare e abbiamo capito che non si poteva. Ad essere onestro, tutti erano distrutti. Ma era l'unica decisione ragionevole."
Evoca quasi le immagini di uno studio di architettura che parla sulla fattibilità di assumere un nuovo progetto.

Gli U2 hanno superato altre crisi prima: la band e gli individui sono stati minacciati da tutto. Da alcool alla religione al successo improvviso quale The Joshua Tree. Ma nulla ha mai diviso la band, che è sempre tornata in pista. Si potrebbe speraro che sono abbastanza intelligente da superare anche questo.



Credo che parte di ciò che manca alla band in questo momento è l'ancora che l'Irlanda gli ha sempre fornito. I rapporti con il paese è sempre stata, se vogliamo, il loro rapporto primario, la spina dorsale e il modello per le loro relazioni con i loro pubblici di tutto il mondo. Sono sempre state le radici profondo che hanno mantenuto in questo paese e la realtà che incontrano dalla gente qui, che li ha nutriti, che li teneva a terra e informava lo spirito della loro musica. Anche il paesaggio e il clima irlandese è stato descritto nella musica, come The unforgettable fire. L'Irlanda li ha cresciuti. L'Irlanda li nutre. Possono esssere in amicizia con i leader mondiali e camminare per tutta la Francia del sud con star di Hollywood, ma il collegamento con l'Irlanda è sempre stato quello che li ha sostenuti e li ha fatti diversi, e piu' reali.

Questo rapporto è incrinato in questo momento e anche di piu' sulla questione fiscale, che in realtà non è tanto un problema come la gente pensa. Il vero problema tra U2 e l'Irlanda è che non sono sembrati presenti durante, forse, il momento piu' difficile di questo paese. Gratta la superficie dell'Irlanda e c'è un senso di tradimento circa gli U2. C'è una percezione secondo cui Bono è stato un grande uomo a cercare di risolvere i problemi degli altri, ma che è stato molto tranquillo sui problemi del paese che lo ha creato. Naturalmente, non aiuta il fatto che la band non paga qui le tasse.

Una chiave delle crepe di questo rapporto potrebbe essere il leggero disagio della band rispetto a come l'Irlanda guarda la gente ricca al momento. L'invidia irlandese è sempre stato un tema di Bono e, all'inizio di questo tour, Larry ha parlato esplicitamente di come ora sembra un crimine essere ricchi in Irlanda.

Quindi, c'è imbarazzo e una brutta sensazione da entrambi i lati del rapporto U2-Irlanda. Ma gli U2 sono probabilmente abbastanza intelligenti da riconoscere che il primo passo nella ricostruzione della band come entità creativa e come band piu' popolare del mondo è quello di rivitalizzare la loro relazione con la propria gente, per abbeverare le loro radici. Ora che avranno tempo, non stupitevi se li vedremo attorno l'Irlanda, tornando ai principi dell'origine e ricostruire quel rapporto primario. Hanno sempre avuto a cuore, forse piu' del dovuto, ciò che qui le persone pensano e dicono di loro, e loro vorranno fare bene.

Non sarebbe una sorpresa se le relazioni all'interno degli U2 avrebbero bisogno di un po' di lavoro. Larry, pur essendo per molti versi il piu' vicino a Bono, è stato piuttosto esplicito nella sua critica verso il cantante e le sue attività 'extra' e l'idea che Spider-Man, di tutte le cose, dovesse essere solo l'ultimo dei passatempi.
Infatti, mentre Bono ammette che Spider-Man abbia ostacolato il lavoro sul nuovo album, aggiunge ridendo: "Ma non lo diremo a Adam e a Larry".

La domanda allora è se gli U2 possono rimanere rilevanti per la prossima fase della loro carriera e valicare un territorio inesplorato andando verso i 60 anni come una rock band in continua evoluzione, o se ormai sono destinati ad essere stelle del cabaret ben pagati. La risposta, stranamente, potrebbe trovarsi in quella porzione che la band ha rivisitato. The joshua tree e Rattle and hume rappresentarono davvero, come BB King, i giovani che facevano una musica che sarebbe dovuta appartenere a uomini piu' vecchi. La cucitura country-rock/blues/gospel che ha dato il successo alla band, potrebbe essere la strada da seguire, anche dopo 25 anni. Sempre meglio che cercare di fare dischi dance a 50anni.

Naturalmente, non dover produrre album nuovi, ma essere in grado di suonare un tour massiccio e vedere carichi di merce è il modello ideale per il business del settore musica. Suonare dal vivo è ciò che da i soldi ora e sempre meno persone sono disposte a pagare per la musica incisa. Ma torna l'ego, chiamiamolo orgoglio. Gli U2 vanno a fare musica nuova, hanno bisogno di essere rilevanti. Perchè forse quando smetteranno di farlo, sanno che inizierà ufficialmente la vecchiaia.

E se gli U2 invecchiano, in un certo senso, lo facciamo tutti.


fonte: indipendent.ie

santips

Messaggi : 329
Data d'iscrizione : 08.09.10

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum